Le apparizioni di Fatima: gli studi di Ennio Innocenti

Ci sono presidi nella Chiesa: sacerdoti e laici che fanno fronte agli attacchi sovvertitori dei progressisti di tutte le risme, comprese non poche aggregazioni di preti e frati fedifraghi. Questi presidi sono punti di riferimento e di raccolta dei credenti decisi a non staccarsi minimamente dalle fede e dalla cultura che li hanno temprati e danno vigore alle virtù teologali. Presidi, va ribadito, che sono eredi e tutori della Chiesa fondata da Cristo, guidata da Pietro e forgiata da Giovanni e Paolo che ebbero nei Padri i loro ispirati continuatori. Oggi il rischio è che vada perduto un patrimonio sapienziale che ha reso vitali popoli, epoche e civiltà. Dio ha voluto che anche a Roma si ritrovassero nella fedeltà al magistero apostolico i cattolici memori, provvisti della grazia di poter fare affidamento su sacerdoti quotidianamente testimoni del Verbo. 

Particolare rilievo ha avuto e continua ad avere la presenza pastorale di un sacerdote che, avvertita la vocazione all’età di sedici anni e sostenuto dallo Spirito Santo, ha instancabilmente proclamato la regalità di Cristo, luce di vita interiore e alimento dell’intelligenza d’amore. Ci si riferisce a don Ennio Innocenti che, pur nella riservatezza di una vita di intensa preghiera e di profondo raccoglimento, ha dato prova di tenacia nella docenza e nella militanza sacra: basi di un insegnamento mai sospeso o rallentato.

In quest’anno di celebrazioni per il centenario delle apparizioni di Fatima, torna di attualità il saggio di Innocenti del 2015: testo che conduce il lettore a situare l’incontro di Maria con i pastorelli portoghesi in un capitolo centrale della storia della salvezza. Con l’abituale chiarezza e singolare franchezza dell’autore, quest’opera dal significativo titolo “Mosca, Fatima, Roma”, in cui la metapolitica introduce alla mistica, richiede applicazione nella lettura intesa come preludio a rivivere una soprannaturale vicenda che incoraggia nelle battaglie per una fede non di rado appannata da coloro che hanno invece il mandato di mantenerla nel suo splendore.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...